mercoledì 10 maggio 2017

Review Il dominio del fuoco di Sabaa Tahir

Ciao, avid readers! Ho letto questo romanzo a fine 2016 e la recensione arriva solo ora, ma almeno arrivo anche con una bella notizia sul seguito, quindi mi è sembrato il momento perfetto per parlare con voi di questo fantasy ormai conosciuto e amato da tutti. 

Serie: An ember in the ashes
1. Il dominio del fuoco
2. A torch against the night
3. Untitled
4. Untitled 
Editore: Nord
Genere: Fantasy, distopico

C'è stato un tempo in cui la sua terra era ricca di arte e di cultura. Laia non può ricordarsene, eppure ha sentito spesso i racconti su come fosse la vita prima che l'Impero trasformasse il mondo in un luogo grigio e dominato dalla tirannia, dove la scrittura è proibita e in cui una parola di troppo può significare la morte. Laia lo sa fin troppo bene, perché i suoi genitori sono caduti vittima di quel regime oppressivo. Da allora, lei ha imparato a tenere segreto l’amore per i libri, a non protestare, a non lamentarsi. Ma la sua esistenza cambia quando suo fratello Darin viene arrestato con l’accusa di tradimento. Per lui, Laia è disposta a tutto, anche a chiedere aiuto ai ribelli, che le propongono un accordo molto pericoloso: libereranno Darin, se lei diventerà una spia infiltrata nell'Accademia, la scuola in cui vengono formati i guerrieri dell'Impero…
Da quattordici anni, Elias non conosce una realtà diversa da quella dell'Accademia. Quattordici anni di addestramento durissimo, durante i quali si è distinto per forza, coraggio e abilità. Elias è la promessa su cui l'Impero ripone le proprie speranze. Tuttavia, più aumenta la fiducia degli ufficiali nei suoi confronti, più lui vacilla, divorato dai dubbi. Vuole davvero diventare l'ingranaggio di un meccanismo spietato e senza scrupoli? Il giorno in cui conoscerà Laila, Elias troverà la risposta. E il suo destino sarà segnato.

La storia è suddivisa in tre parti e ogni parte è contestualizzata al momento che Elias e Laia, i protagonisti, stanno vivendo. Laia è una protagonista forte, determinata e pronta a sacrificare tutto per salvare suo fratello, persino chiedere aiuto alla Resistenza, i ribelli da cui si è sempre tenuta alla larga e che ora sembrano il suo unico appiglio. Il suo compito in cambio di aiuto è infiltrarsi a Rupenera, la responsabile della distruzione della sua famiglia, e le regole all'interno dell'accademia sono ancora più dure di quanto potesse immaginare. La sua vita prende una nuova piega, il suo sacrificio la porterà di fronte a tanti inganni da chi riteneva dalla sua parte e le porrà di fronte un compagno inaspettato. 
Elias odia la sua vita, odia Rupenera e il suo progetto di vita è opposto al futuro designato da suo nonno. Lui è la promessa dell'Impero, ma è anche l'unico a farsi scrupoli a eseguire gli ordini e continuare l'addestramento. È uno dei personaggi che più mi sono piaciuti, il suo percorso è accidentato e spesso è confuso, sa quali sono le sue intenzioni ma è difficile attenersi a un piano quando vi sono tanti ostacoli. Il suo coraggio è la ribellione al sistema, mentre per Laia la sua forza è l'amore per il fratello. 
Il rapporto tra Laia ed Elias si sviluppa in modo lento, di certo non è una storia basata sul romance e l'amore tra i protagonisti, ci sono solo sentimenti acerbi e un bisogno reciproco di avere qualcuno al proprio fianco che possa essere d'aiuto. Questa relazione è ancora da approfondire e mi è piaciuta la decisione dell'autrice di rallentare in questo libro per poi dare sicuramente più spazio alle loro imprese nel successivo. Vi sono legami che è piacevole vedere crescere senza nessuna fretta, si comprendono di più i personaggi e c'è più solidità quando la conoscenza si approfondisce. 
Un altro merito dell'autrice è l'aver creato un personaggio cattivo, senza possibilità di redenzione e senza sensi di colpa o particolari fattori scatenanti di tale malvagità. Abbiamo di fronte il lato oscuro, l'inumanità ed è il personaggio crudele più ben riuscito degli ultimi fantasy letti, in particolare visto il suo legame familiare con Elias. Non è facile trovare quel cattivo così ben descritto da rimanere impresso proprio per questo ruolo, spesso viene svilito e perde d'efficacia, e mi auguro non succeda nei capitoli successivi della saga. 
Non  a caso è stata una delle mie letture preferite del 2016 e dato che in tema fantasy ultimamente sono attirata da ben pochi titoli, quelli che decido di leggere sono selezionati con cura e molti meno rispetto ad anni fa, quando mi nutrivo di questo genere, perciò vi assicuro che è una storia da non perdersi, soprattutto in tema distopico dove è più facile incontrare libri deludenti e troppo simili tra loro. Sabaa Tahir ha creato un sistema eccezionale, ben strutturato e comprensibile a bocconi mentre si prosegue con la lettura, ci sono tanti piccoli avvenimenti da collegare e il quadro completo è visibile solo alla fine, verso l'ultima parte del libro. Inoltre lo stile della Tahir mi piace molto, le descrizioni sono approfondite ma mai noiose e non lascia mai buchi nella trama e nel sistema da lei creato. 
Giorni fa ho postato sul mio IG la foto de Il dominio del fuoco e nei commenti la Nord ha scritto che vedremo il seguito in libreria prima di quanto pensiamo, quindi abbiamo buone speranze di poter leggere presto il secondo volume, dato che il terzo uscirà nel 2018 e il quarto nel 2019 ne abbiamo di tempo prima di poter leggere arrivare al capitolo finale (Sabaa Tahir vuole farci soffrire quanto la Clare!). 
Quindi, readers, questo distopico è stata una lettura completa in tutto: emozioni, suspense, ottimi personaggi e una scrittura coinvolgente, un libro curato e ben editato (da non dare per scontato di questi tempi), perciò se non lo avete ancora letto dovete assolutamente recuperare, ogni fan del fantasy troverà ne Il dominio del fuoco un libro da cinque stelle. 
Voi cosa ne pensate? Lo avete già letto? Vi incuriosisce?A presto, readers!     

4 commenti:

  1. Una delle migliori letture del 2016 però che cavolo la Nord ci sta facendo pensare.... DATECI UNA DATA

    RispondiElimina
  2. Ciao Jess, ce l'ho in wl ma volevo essere sicura che la CE pubblicasse i sequel.. sono stufa delle serie interrotte! Cmq ottima recensione, sono ancora più incuriosita!!!

    RispondiElimina
  3. Anche per me è stata una delle letture più belle dell'anno! Ho amato come te questo libro e sono contenta dell'uscita del prossimo perché oramai non ci speravo più. Se devo essere sincera il personaggio che ho amato un pizzico di più rispetto agli altri è Helene. Mi è dispiaciuto tanto per lei alla fine :'(

    RispondiElimina
  4. Io spero esca al più presto l'edizione economica, mi ispira davvero troppo! Con questa recensione poi, ancora di più! Io continuo a consigliarti i libri di Leonardo Patrignani, tra poco torna anche con un nuovo libro! <3 *^*
    Sai che è uscito "Ignite Me"? Spero di averlo al più presto e ho letto che ne usciranno dopo anni che sono usciti in America, altri tre! Ma pensa! *^*

    RispondiElimina